RicercheQuadro  

   

Organizzazione Large Group  

   

Psicologia Clinica  

   

Psicologia Generale preclinica  

   

Interventi  

   

Login  

   

Pubblicazioni e Comunicazioni scientifiche  

   

Archivio  

   

Collana ESPCO  

   
 

L'autore analizza il Caso del giovane studente R., nato in una famiglia di riconosciuta tradizione culturale, che - dopo ripetuti attacchi di ansia e di panico - sospende la frequenza scolastica.

R. si rivolge ai compagni di classe, agli insegnanti e alle persone a lui estranee con smorfie e boccacce di scherno e ostilità.

L'esposizione del Caso è sviluppata in modo da permettere al lettore di vedere in filigrana lo psicologo clinico al lavoro. Di seguirlo nel mentre propone il nascente contesto analitico, quale espressione protensionale della sua mentegruppo e coacervo transpersonale di risorse e capacità professionali. Di cogliere l'atteggiamento analitico bifocale con cui prende in carico il Caso nella complessità delle dinamiche che agiscono nel "plexus" di R. Tale atteggiamento è l'unico capace di smascherare e rielaborare gli inganni percettivi preverbali che si manifestano sin dalla forma inoculatoria in cui è espressa la domanda d'aiuto.

Il Caso R. è emblematico dell'attuale diffusa sofferenza che pervade le giovani generazioni di fronte all'inadeguatezza istituzionale dei metodi di apprendimento e alla devastante conflittualità che si annida nelle pieghe dei vincoli parentali.

L'autore conduce la trattazione in modo da comporre un nuovo modello di resoconto e protocollo clinico nel quale siano dispiegati gli aspetti percettivi, cinestesici e assertivi del Caso. Individua i fattori ai quali attinge il "giudizio operativo" che guida i primi istanti del nascente contesto analitico e le attenzioni implicative rivolte alla prevenzione del "burnout".

   
© ALLROUNDER